RAPACI IN APPENNINO. GUFO. BY Davide Rufino.

https://www.youtube.com/watch?v=wp9HPVznHNg

A dispetto del nome comune italiano, il gufo comune (Asio otus) è davvero un gufo fuori dal comune. Si tratta senza dubbio di uno dei rapaci notturni più diffusi al mondo, ed è fra i più adattabili e affascinanti, oltre che il più emblematico fra tutti i gufi. L’aspetto è quello tipico dei gufi, con dischi facciali ben pronunciati, piumaggio soffice e ciuffi erettili molto lunghi, che non sono correlati alle orecchie (poste più in basso) ma che servono a indicare lo stato umorale del gufo e lo aiutano nella mimetizzazione diurna. Il gufo comune, con quattro sottospecie, è diffuso in gran parte dell’emisfero boreale. Mentre alcune popolazioni sono stanziali, altre compiono piccoli spostamenti stagionali e altre ancora migrano sulle lunghe distanze. In Italia questo gufo è sia svernante che nidificante, o anche solo di passo. Molto comune in alcune zone, è assai più raro in altre. E’ tipico degli ambienti forestali montani, e difatti predilige i boschi di conifere, ma si può trovare anche in boschi misti, pianure, giardini, pinete costiere e città. Il suo piumaggio è criptico, bruno-rossiccio con vermicolature e barrature scure, petto color crema e iride color arancio. La lunghezza si attesta sui 35-37 cm, e l’apertura alare sui 90-100 cm. Il peso va dai 210 ai 420 g, con le femmine più grandi e pesanti dei maschi. Caccia principalmente micromammiferi ma si adatta a diverse tipologie di prede come piccoli rettili, anfibi, piccoli uccelli e grossi insetti. Caccia utilizzando soprattutto l’udito e sorvolando il terreno a poco più di un metro, con un volo galleggiato e silenzioso. Molto difficile da osservare, è elusivo e mostra anche interesanti comportamenti sociali: il più interessante è la formazione di “roost”, dormitori invernali (perlopiù grandi alberi) dove i gufi si radunano, traendo protezione dal gruppo e scambiandosi probabilmente informazioni sulle migliori zone di caccia. Nonostante le tante perdite inflitte dall’uomo (distruzione dell’habitat, impatti coi veicoli, rodenticidi), il gufo comune è maestro di opportunismo e adattamento. La sua popolazione sembra addirittura in espansione e in aumento. Indubbiamente un gufo con gli attributi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti