POESIE VALCENESI

.Sua maestà il maiale
U PORCU

Quande ume padron, u me purtava da mangià
pensava che u me vurisse ben 
miga che gh’ava da diventà di salamen.
U me caressava e pariva, che u fisse innamurà
invecci u vardava, quantu s’era ingrassà
Creidu, che quande ho smissu de respirà
in po’ de rimorso u l’ha pruvà.
Ma gh’era u sangue da ciapà, i tocchi da tajà.
Du bei presutti da fa stagiunà
e d’istai con u melon, j’erene pronti da mangià.
Cuppa pansetta e con i tocchi restà.
fatti buje ben ben, j’en diventà suprassà.
Col sigulle u fidegu, in padella l’è fenì
i pesén in ta pugnatta, con j’udù, fatti bujì.
E mei che testamentu no miga pudì fa
speru che a Natale in regallu u farà
magari a ina famija che ha gh’a pocu da mangià 
Allura u perdunerisse, per aveime imbrujà…

 

AUTUNNO
di Valentina Selene Medici

Non voglio ammantare i pensieri
di tristezze d’Autunno
per foglie che cadono all’oblio.
Per rami spogli che piangono nebbia.
Per tralci di vite cadenti
che grappoli più non sostengono.
Voglio godere di colori sfumati
di frutti marroni che ridono
fra spine dischiuse nel bosco.
Di funghi nascosti da foglie 
e dall’ultimo fiore tardivo.
Dei giorni di San Martino
che ci dona, ritorno d’estate
e riporta alla mente il racconto
che condivisione, dovrebbe insegnare.
Non voglio attardarmi a pensarlo
come tratto di vita che precede
l’inverno che tutti addormenta.
Voglio amare nel caldo del cuore
l’Autunno, come ogni altra stagione.

 

 

 

 

 

SETTEMBRE
di Valentina Selene Medici

Già rinfrescava l’aria, allora

in quel Settembre, di tanti anni fa.

quando di giocare, mai eri stanca.

Inseguivi ridendo il giorno

prima che fluisse nella notte.

Ricontavi le stelle per sicurezza

per vedere, se una ne mancava

nel grande carro, sopra al castello.

Seguivi il puntino luminoso

di un aereo che lontano andava.

Quante volte, sopra sei salita

con l’ingenua fantasia  d’innocenza

che, il lontano. forte t’invitava.

Ma la vita, sa spezzare ali

e lorizzonte, ha confini brevi.

Sono migrati anni, troppo in fretta

in quel luogo, chiamato passato.

Ora, ha colori d’autunno, il Settembre

e speri abbia passi lentie non grevi

verso il grande inverno, che addormenta.

 

U NEVUDEN
di Valentina Selene Medici

-U rida con j angeli- A disiva a nonna.

E a la cuvava con u pensieru cul nevuden

dai cavì rissi e neigri e j oci

pussè azurri de in cielu a primaveira.

-U rida con j angeli-

A l’à lavà, vestì. Curà a gh’à insignà a parlà

che i zuveni i gh’avena da lavurà.

L’era dura a vitta in montagna

e i se contentavena

de cullu che dava a poca campagna.

U ghe n’ava adré in te l’ortu

u fava el curse in tu curtile adré al galenne

e u s’incantava a vardà u vuru del rondanenne.

U l’à vista vignì vecia a so cara nonna

e u ghe vuriva sempre pussè ben.

Quande da grande l’è anà in città per lavurà

u turnava spessu e u l’anava a truvà.

Dopu in giurnu u l’à truvà in tu lettu

tranquilla e pronta per anà avanti.

U gh’à tegnì stretta a man, u l’à basà

sensa fase incorse che l’era disperà.

Quande l’à serà j oci l’è restà suridente

-A rida con j angeli-

L’era u pensieru che u nevudu u gh’ava in ta mente.

 

 

Vai alla barra degli strumenti