Coordinamento provinciale sull’emergenza idrica

Ieri a Parma si sono riuniti i consiglieri regionali, parlamentari, i sindaci, esponenti di Atersir,,  Iren, Emiliambiente, Bonifica Parmense, Montagna 2000, per discute della grave emergenza idrica che si sta verificando nel nostro territorio. I sindaci del territorio Parmense insieme l’Agenzia territoriale dell’Emilia Romagna, stanno seguendo l’evolversi della significativa emergenza siccità, coordinando le attività urgenti insieme ai gestori coinvolti e la Protezione Civile provinciale e nazionale. Con il decreto del consiglio dei ministri saranno disponibili mezzi e risorse necessarie per garantire alla popolazione l’ approvvigionamento idrico, otto milioni e650 mila euro su Parma e Piacenza. L’attuale condizione di criticità e dovuta all’assenza di precipitazioni, e dalla portata di sorgenti depurate alla fornitura idrica nella fascia collinare del Parmense. Problematiche simile soprattutto nella fascia collinare e pedemontana si possono verificare nel mese di agosto, in particolare nei territori posti a nord-ovest. Vi sono anche grosse problematiche per le aziende agricole con molti capi di bestiame che necessitano di ingenti quantitativi di acqua per il benessere degli animali.

Gli interventi garantiscono in piano di emergenza e rifornimenti  con l’utilizzo di autobotti per il trasporto di acqua per rifornire i serbatoi idrici in deficit. I sindaci delle del territorio consigliano ai cittadini l’utilizzo responsabile delle risorse idriche, per l’utilizzo del consumo umano contenendo i consumi per attività accessorie. Si consiglia di utilizzare il recupero di fonti alternative finora abbandonate.

by Calici Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti